La partecipazione dei giovani: diritto, scelta, opportunità

Questo Rapporto nasce dall’analisi di esperienze di partecipazione e co-progettazione avviate dalle amministrazioni comunali con l’intento di creare occasioni di collaborazione con i ragazzi per ripensare la città e, contestualmente supportarli nella loro ricerca di identità sociale e professionale.

Il tratto comune di tutti i progetti è il loro fulcro: si tratta di iniziative che intendono dar spazio alla cittadinanza attiva, favorire il senso di appartenenza e l’identità sociale. La partecipazione è occasione di acquisizione del senso di appartenenza alla propria città e forma di responsabilizzazione verso la propria comunità. Questo implica, per alcune città, l’apertura del dialogo tra generazioni e implica, in altri casi, la possibilità di includere anche fasce di popolazione che rischiano di rimanere ai margini. La partecipazione diventa, quindi, la condizione che può favorire lo sviluppo dell’associazionismo e l’attenzione alla cura e alla tutela dei beni comuni. 

Le esperienze sono state esaminate secondo lo schema indicato dalla Carta della partecipazione dei giovani del Consiglio d’Europa.
Un focus particolare è stato dedicato ai metodi e alle tecniche che una città può adottare per coinvolgere cittadini, esperti e stakeholders.


 

Categoria: