Schede primarie

Bando Periferie

Cultura e creatività: il grande potenziale delle città italiane per guardare con orgoglio oltre la crisi

Comunità: 

L'Osservatorio della cultura e della creatività urbana è uno strumento interattivo on line pensato per aituare le città ad individuare i loro punti di forza e le opportunità, a valutare le proprie prestazioni rispetto ai parametri di riferimeto e ad attuare polithce per colmare eventuali divari. Lo strumento mette  in evidenza la forte correlazione tra la vivacità culturale e varie dimensioni della vita di una città, a cominciare dalla diversità sociale e dall'attività economica.

4.5
Media: 4.5 (2 voti)

Abracadabra: come ti trasformo un esperimento di innovazione sociale in una politica locale

Comunità: 

Come sono fatte le politiche pubbliche che favoriscono l’innovazione sociale? Anci, Agenzia Nazionale Giovani e RENA hanno avviato la riflessione su questa complessa questione in occasione di uno degli incontri dello scorso ForumPA (martedì 23 maggio) nel quale è stata ufficialmente presentata la ricerca L’innovazione sociale e i comuni: istruzioni per l’uso.

5
Media: 5 (2 voti)

Rigenerare le periferie: innovare le città. Dal bando alle strategie

Comunità: 

Il tema delle periferie e del rilancio delle città sarà il focus del convegno  Rigenerare le periferie: innovare le città che si terrà il 6 e 7 giugno a Bergamo presso la Sala Consiliare del Comune.

0
Non ancora votato

Rigenerare le periferie: innovare le città. Dal bando alla strategia

L’incontro è organizzato su iniziativa di ANCI, Presidenza del Consiglio dei Ministri e Comune di Bergamo e sarà un’occasione di confronto per amministratori, funzionari ed esperti sui temi della rigenerazione e dell’innovazione urbana.

Data evento: 
da Martedì, 6 Giugno, 2017 - 14:00 a Mercoledì, 7 Giugno, 2017 - 13:30

Nuova opportunità per città e PMI. La call del progetto DERRIS

Comunità: 

La call del progetto europeo DERRIS è aperta fino al 23 giugno 2017.

A livello mondiale l’Italia è uno dei Paesi maggiormente esposti alle trasformazioni dell’ambiente messe in atto dal cambiamento climatico. Nonostante questa evidenza, il grado di consapevolezza della portata di questo fenomeno è ancora piuttosto basso. In particolare le piccole e medie imprese che popolano il tessuto industriale del nostro Paese sembrano essere poco informate e tendono a sottovalutare il fenomeno.

0
Non ancora votato

INNOVAZIONE SOCIALE E COMUNI: dalle sperimentazioni alle politiche

Comunità: 

Il 23 maggio a ForumPA dalle 14.30 alle 18 si parla di come creare politiche pubbliche locali che adottino il paradigma dell’innovazione sociale: cosa può fare un comune, come si deve rapportare agli altri attori dell’ecosistema, come generare vantaggi per altri o eventualmente acquisirne per la propria attività (servizi, regole, ecc.). L’incontro è organizzato con la collaborazione di ANCI, RENA e ANG.

5
Media: 5 (1 voti)

Piani&Periferie

Comunità: 
Con molta enfasi, almeno tra gli addetti ai lavori, lunedì scorso la stampa specializzata e non solo, ha pubblicizzato la notizia della firma delle convezioni relative all’attivazione dei primi 24 “Piani Periferie” selezionati in base al bando avviato con la Legge di stabilità del 2016.
5
Media: 5 (1 voti)

"Città che vince città che perde" Articolo di Rosario Manzo sul Quotidiano Immobiliare del 24 febbraio

Rosario Manzo commenta la ricerca del Cresme "World Cities Visone 2030 - 2050" in cui l'istituto di ricerca delinea le prospettive di crescita delle città occidentali e, in particolare, europee e racconta di come esse provino a "progettare la loro rivoluzione".

Manzo si preoccupa del rischio, per le città italiane, di adagiarsi su una "rendita parassitaria basata sullo sfruttamento dell'eredità del passato o, peggio, nella autoreferenzialità di uno sviluppo immaginario..."

a mare. a napoli. Collaborative urban mapping nel processo di riqualificazione urbana degli accessi al mare

Comunità: 
Percorso partecipativo per la riqualificazione degli accessi al mare della I Municipalità di Napoli a cui Mappina collabora insieme al DiARC dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.Il progetto utilizza il collaborative mapping come strumento di indagine del territorio, emersione degli attori e condivisione della conoscenza.Il progetto sarà accompagnato anche dal corso Collaborative Urban Mapping / Accessi al Marepresso del DIARC organizzato in 4 incontri.
5
Media: 5 (3 voti)