Nuova opportunità per città e PMI. La call del progetto DERRIS

0
Non ancora votato

La call del progetto europeo DERRIS è aperta fino al 23 giugno 2017.

A livello mondiale l’Italia è uno dei Paesi maggiormente esposti alle trasformazioni dell’ambiente messe in atto dal cambiamento climatico. Nonostante questa evidenza, il grado di consapevolezza della portata di questo fenomeno è ancora piuttosto basso. In particolare le piccole e medie imprese che popolano il tessuto industriale del nostro Paese sembrano essere poco informate e tendono a sottovalutare il fenomeno.

I dati al contrario ci dicono che il 90 % delle PMI che chiude la propria attività per un evento catastrofale (alluvione, terremoto, etc),  fallisce entro un anno. L’interruzione delle attività produttive di un’azienda rappresenta un danno per l’intera città e per questa ragione le attività di sensibilizzazione e di prevenzione che le amministrazione locali possono mettere in atto sono davvero importanti.

Il progetto europeo DERRIS, di cui ANCI è partner, nasce esattamente con l’obiettivo di incrementare la resilienza di PA e PMI attraverso l’elaborazione di strumenti innovativi che permettono di valutare il grado di esposizione al rischio del proprio stabile e al contempo forniscono suggerimenti ed indicazioni precise rispetto alle misure da adottare in forma di prevenzione.

Martedì 23 maggio il progetto è stato presentato a Roma presso la sede dell’Anci insieme alla“Call per le città pilota” alla presenza dei rappresentanti tecnici e politici di Piemonte, Lombardia, Sicilia e Toscana, tra i quali anche Paolo Masetti, sindaco di Montelupo Fiorentino, subdelegato Anci in materia di Protezione Civile.

Masetti ha manifestato il suo interesse verso la call e si è detto intenzionato a farsi “promotore di questo interessante progetto presso l’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa di cui fa parte il mio comune. Un’ottima opportunità – ha sottolineato - per l’autovalutazione dei rischi sia da parte delle aziende sia per le stesse amministrazioni comunali”.

Nel corso dell’incontro sono stati, infatti, presentati i contenuti e le tempistiche del progetto, nonché le modalità di adesione per i Comuni interessati, valutando l’opportunità della sua replicabilità sui territori.

Per i Comuni interessati c’è tempo fino al 23 giugno per inviare le proprie candidature. Se selezionati, potranno ricevere la formazione degli esperti del progetto che si recheranno sul territorio per svolgere due seminari dedicati a PA ed alle imprese. Tutte le attività saranno finanziate dal progetto DERRIS, nell’ambito del programma europeo LIFE +.

http://www.derris.eu/fino-al-23-giugno-call-per-individuare-altre-8-citta-interessate-a-partecipare-al-progetto-2754/