Benvenuti

0
Non ancora votato
Comunità: 

Benvenuti a tutti coloro che fanno parte di questo gruppo di lavoro dedicato all'applicazione degli indicatori del BES (Benessere Equo e Sostenibile) per osservare gli esiti della pianificazione definita attraverso il Documento Unico di Programmazione (Dup).

Perché questi temi e perché la proposta di un percorso sperimentale.

Il contesto

I processi di riforma degli ultimi anni richiedono alle amministrazioni locali di fondare le proprie azioni sui principi di efficacia ed efficienza, raggiungendo risultati idonei a soddisfare i bisogni degli utenti in una situazione di progressiva riduzione delle risorse e progressivo aumento e diversificazione dei bisogni.

Diversi sono gli strumenti previsti dal legislatore per supportare l’azione pubblica secondo questi principi, a partire dal Documento Unico di Programmazione (DUP) che costituisce la guida strategica ed operativa dell'ente.

Il DUP consente all’ente di definire una programmazione strategica e operativa coerente con bisogni, vincoli e opportunità del contesto esterno ed interno e si collega logicamente sia al bilancio di previsione, che individua la destinazione delle risorse per la realizzazione dei programmi, che al PEG, che assegna le risorse ai responsabili.

Per completare il processo di programmazione e intervento serve un dispositivo che favorisca l’analisi del contesto e la valutazione degli effetti che producono gli interventi sul territorio e a vantaggio dei cittadini. Di sistemi di valutazione ne esistono diversi. Se si intende valutare il contributo che l’azione dell’Ente locale fornisce allo sviluppo, non solo economico,  del territorio e tenere conto anche delle dimensioni sociali e ambientali, l’approccio di riferimento, a livello nazionale e internazionale è quello del BES – Benessere Equo e Sostenibile.

Per questo IFEL e l'Università di Ancona propongono ai Comuni interessati di realizzare un percorso sperimentale che favorisca il confronto tra DUP e BES, che favorisca, in altre parole, di verificare con indicatori e misure gli effetti delle scelte dell'amministrazione sul benessere sostenibile per la popolazione e il territorio. 

L’obiettivo del progetto

Il progetto intende sperimentare, in collaborazione con un ristretto campione di Comuni, la definizione un metodo standard per l'applicazione degli indicatori di Benessere Equo e Sostenibile al policy making a livello locale. Tale  applicazione può aiutare i Comuni nel raggiungimento di risultati importanti per il benessere territoriale orientando, in questo modo, l’allocazione delle risorse anche in un’ottica di rendicontazione sociale. Si propone, in particolare, di testatare e implementatare un modello già definito.

Il punto di riferimento principale è il Documento Unico di Programmazione, strumento cardine della pianificazione strategica e della programmazione operativa degli enti locali, al quale sarà collegato il bilancio, per rendere coerente la programmazione con l’articolazione delle risorse a supporto degli interventi; infine verranno associati indicatori del BES per misurare la sezione strategica cioè per valutare i bisogni che emergono nel territorio e gli effetti ottenuti nell’attuazione della programmazione strategica.

Il percorso 

Nell'arco di un anno i Comuni coinvolti sono chiamati a sviluppare 4 diverse macro-fasi di lavoro:

  • classificazione degli indicatori (giugno - ottobre 2018)
  • validazione e implementazione (ottobre - marzo 2018/19)
  • applicazione della matrice al Dup (marzo - giugno 2019)
  • presentazione finale (giugno 2019)

Questa piattaforma

In questo spazio, condiviso con altri gruppi di lavoro e comunità tematiche, verranno messi a disposizione documenti, video (di incontri o webinar), segnalazioni di eventi, forum di discussione e sondaggi. Questo consentirà a tutti di accedere più facilmente alle risorse prodotte nel corso dei prossimi mesi di lavoro. Alcuni dei contenuti pubblicati saranno riservati al gruppo di lavoro e altri, invece, potranno essere visionati anche da coloro che appartengono ad altre comunità o gruppi di lavoro e da chi accede alla piattaforma.

A tutti buon lavoro!